Search
Search Menu

Vendere sfuso: la realizzazione di un sogno

Questo mese voglio parlarvi di un business plan che è da poco diventato realtà: per chi, come me, si occupa di strategie di business, non c’è nulla di più gratificante di vedere un progetto trasformarsi in un’impresa vera e propria e di poter toccare con mano l’entusiasmo delle persone che si sono messe in gioco.

Una storia d’amore e di cambiamento

È il caso di Laura e Alessandro di Dispensagrammi: una giovane coppia molto innamorata che ho conosciuto in occasione di un corso in streaming sul Business Model Canvas che ho tenuto per Zandegù durante il periodo del lockdown. Mi hanno contattata qualche mese dopo dicendomi che, proprio grazie al lavoro fatto sul Canvas, si erano resi conto di avere molte lacune, soprattutto sulla parte economico-finanziaria, e di avere necessità di redigere un business plan.

La giovane coppia viveva a Roma da anni ma, grazie alla disponibilità di una casa di famiglia a cui appoggiarsi, ha deciso di lasciare la capitale, ormai divenuta invivibile dal loro punto di vista e di trasferirsi in un piccolo comune della Maremma toscana, Manciano in provincia di Grosseto, per dare vita al progetto dei propri sogni.

Entrambi interessati alle tematiche ambientali ed abituati a seguire una dieta vegana, sentivano il bisogno di dare il proprio contributo in questo contesto, dal quale molti piccoli borghi sono esclusi, visto che la concentrazione di attività di questo tipo è al momento maggiore nei grandi centri urbani.

Dispensagrammi: la spesa sfusa

I due soci, che hanno aperto i battenti della loro nuova bottega il 30 aprile scorso, propongono un’offerta di prodotti che risponde alle esigenze di coloro che pongono particolare attenzione alla salute e ad uno stile di vita sano e a chi ricerca prodotti per particolari esigenze alimentari (trattano, ad esempio, prodotti per celiaci e per intolleranze varie), privilegiando comunque il consumo di prodotti a km zero.

Il nuovo punto vendita, situato nella parte storica del piccolo borgo, promuove l’attenzione all’ambiente, grazie alla vendita di prodotti sfusi, che vengono inseriti in contenitori riutilizzabili, il che tra l’altro consente mediamente un risparmio del 10% circa rispetto ai prodotti confezionati. L’offerta merceologica pensata da Laura ed Alessandro si articola in due macro gruppi di prodotti:

  • alimentari, tra cui legumi, pasta, riso e prodotti da forno realizzati con farine particolari, prodotti freschi vegetali (formaggi veg, tofu, seitan, veg-burger, ecc.) e a breve vino sfuso;
  • non alimentari, incentrati su prodotti per la detersione della persona e della casa riutilizzabili ed ecologici, oltre ad accessori molto particolari, con il filo conduttore della sostenibilità ambientale.

Dispensagrammi nasce sulla scia di un modo nuovo, o meglio antico, di fare la spesa: si tratta della formula di acquisto di prodotti sfusi o alla spina, secondo il tradizionale modello di vendita definito “al banco”.

Oggi però il concetto di base si arricchisce di nuove motivazioni, valenze e significati. La scelta di acquistare prodotti a peso, senza confezione, o all’interno di tupperware ricaricabili, permette di ridurre il numero di imballaggi e quindi di rifiuti, di acquistare la giusta quantità di alimenti (consentendo di evitare eventuali sprechi) e offre un discreto risparmio sui costi del prodotto: un vero e proprio sistema di acquisto consapevole e compatibile con l’ambiente.

Come abbiamo lavorato con Laura ed Alessandro?

Un’importante parte iniziale è stata dedicata all’analisi di mercato: trend del settore, individuazione dei possibili target di clientela della zona e valutazione approfondita dei competitors diretti ed indiretti che operano nell’area di Grosseto, in modo da capire davvero che cosa mancava in Maremma, per valutare con precisione il proprio posizionamento competitivo e per determinare i canali di comunicazione più corretti da attivare per raggiungere l’obiettivo prefissato.

Successivamente, ci siamo dedicati “ai numeri” che era la parte più complessa per la giovane coppia, non particolarmente avvezza a fare ragionamenti di tipo economico-finanziario: Laura e Alessandro erano molto in ansia su questo argomento ma, piano piano, hanno iniziato ad acquisire dati ed informazioni seguendo la metodologia che ho trasmesso loro, a contattare i fornitori, a ragionare sul concetto di margine e a capire quanto 50 centesimi in più o in meno possano fare la differenza in questo settore per raggiungere il fatturato di pareggio.

I risultati del percorso di consulenza

In circa 4 mesi di lavoro totalmente a distanza abbiamo portato a termine il nostro business plan e la mia più grande soddisfazione è stata la recensione che Laura ha scritto su Google, che vi riporto qui sotto:

Se dovessi dare un suggerimento a chiunque voglia fare impresa, la prima cosa che direi è “Contatta Marta!” Con mio marito avevamo un’idea di progetto, che nei mesi di lavoro con lei sono diventati realtà. Ha dato ordine alle nostre idee, facendoci rendere conto di cosa effettivamente significa “fare impresa”. Dopo alcuni mesi di lavoro insieme abbiamo un perfetto business plan, sappiamo guardare, interpretare e capire i numeri, che sono quelli che più ci spaventavano. Conosciamo i punti di forza della nostra impresa e sappiamo come affrontare quelli deboli. Marta è stata una guida perfetta, sincera e diretta, assolutamente da consigliare!”

Avete un progetto che vi frulla in testa e non sapete se possa diventare realtà?

Contattatemi per una consulenza oppure scaricate il mio nuovo e-book “Guida galattica al business plan” se volete procedere in modo autonomo nella redazione di un business plan.

Author:

MARTA GIAVARINI - STRATEGIE DI BUSINESS. Supporto aspiranti Imprenditori, Freelance e Startupper a mettere a fuoco il loro Business Model, a conoscere e analizzare il mercato in cui lavorano, per pianificare strategie vincenti attraverso un Business Plan. Aiuto imprese già avviate a rivedere il proprio Modello di Business per sviluppare nuovi prodotti e nuovi mercati.

Leave a Comment

Required fields are marked *.